photo

Luigi Menghini

Licence ès lettres, UNIL, Lausanne, 2002, Insegnante di scuola elementare, Magistrali, Coira, 1993

luigi.menghini@unifr.ch

Lecteur-trice

Téléphone

Adresse

MIS 10 bu. 1.09
Rue de Rome 1
1700 Fribourg

Bureau

MIS 10, 1.09

  • Publications

    Il postmoderno nel romanzo storico vassalliano, Analisi di Marco e Matteo di Sebastiano Vassalli, Mémoire di licenza, Dattiloscritto, Università di Losanna, 2002.

    «Qual è il comptio di uno scrittore? Conquistare il proprio lettorato, avvincerlo con delle storie che possano tenerlo incollato al libro, e magari convincerlo a comperare anche i precedenti e probabilmente le pubblicazioni che seguiranno. Questa è stata in breve la mia esperienza con Sebastiano Vassalli dopo aver letto "La Chimera", romanzo storico uscito nel 1990.

    È nata da qui la mia voglia di approfondire, di leggere quanto avesse scritto in precedenza e ho poi continuato a leggere quanto pubblicato in seguito. La passione si è trasformata in studio e quindi ho approfondito la lettura, cercando di scovare l’autore all’interno della propria opera. È cosí nato il mio lavoro di licenza: un affascinante viaggio alla ricerca di Vassalli nei suoi libri.»

     


    Insegnare ad insegnare: qual è il punto di partenza? in: Marcello Ostinelli (a cura di) 2015), La didattica dell'italiano, Problemi e prospettive, Ed. Supsi / DFA, Locarno, pp. 180-186.

    Quali sono le competenze nella lingua materna degli studenti che iniziano il proprio percorso di studi all’Alta scuola pedagogica dei Grigioni. Analisi di 10 anni di testimonianze.


    L'io-narrante nella Rifugiata di Gir in: Bloc Notes, n. 38, 1998, pp. 169-171.

    La rifugiata e altri racconti, terzo volume della Collana della Pro Grigioni Italiano, riunisce in un’unica pubblicazione, diversi testi brevi, già editi in precendenti libri e un lungo racconto inedito.


    Letteratura del Grigionitaliano in: Vincenzo Todisco (2006), Una finestra sul Grigioni italiano, PGI, Coira, pp. 147-166.

    La realtà letteraria del Grigionitaliano è particolarmente ricca se si considera l’esiguo terriotrio in cui essa trova espressione. D’altro canto questo sua singolare situazione geografico-culturale ha trovato, soprattutto dopo la creazione della Pro Grigioni Italiano nel 1918 e la nascita delle sue pubblicazioni, probabilmente maggiori opportunità di espressione rispetto ad altre realtà […] Non sempre tuttavia la grande produzione trova un corrispettivo nella qualità del prodotto. Per contro diversi autorei che presentiamo in questa antologia hanno trovato pure degli editori esterni alla realtà grigionitaliana, sintomo questo di quanto la produzione interna abbia trovato eco positiva nell’ambito letterario italiano.


    Lingua e cultura italiana nei Grigioni in: Marco Giacometti (a cura di) (2008), Da Bergamo a Coira, Lungo le vie storiche, Ed. Muvis e Pro Loco Albaredo, Campodolcino (SO), p. 133.

    Breve sguardo storico sulla lingua e la cultura italiane nel Grigionitaliano.


    Pratiques sauvages d'une didactique du plurilinguisme in: Balsiger et al. (2012), Éveil aux langues et approches plurielles, De la formation des enseignants aux pratiques de classe, L’Hermattan, Paris, pp. 391-396

    Didacticiens de langues et formateurs d’enseignants primaires dans les cantons des Grisons et de Fribourg, en Suisse, cantons constitutionnellement bi- ou plurilingues, nons initions les futurs enseignants aux approches plurielles des langues, et plus particulièrement aux modèles bilingues immersifs. 

    Avec Barbara Tscharner


    «Uno sbalzo, un grido, un tonfo!» La morte nel racconto di Felice Menghini Valetin in: Andrea Paganini (a cura di) (2009), L’ora d’oro di Felice Menghini, Poschiavo

    Pur tenendo presente quanto la critica letteraria debba considerare ben scissi gli aspetti biografici dell'autore dalla spcifica analisi delle opere, è interessante valutare quanto in un testo letterario si possano leggere almeno parzialmente stralci della biograifa dell'autore. Nel racconto Valetin, testo poco conosciuto di Felice Menghini, si cerca appunto di evidenziare il rapporto con la morte da parte del narratore e dei personaggi, che si scopre internamente al testo, confrontandolo con gli eventi biografici che hanno segnato la vita dell'autore.